Andrea Ricciardi

Proroga reddito di emergenza: altre due mensilità nel Decreto Ristori per i beneficiari che già lo percepiscono e per tutti coloro che nel mese di settembre risultano in linea con i requisiti richiesti.

Ad annunciarlo è lo stesso premier Giuseppe Conte durante la conferenza stampa di presentazione del pacchetto di aiuti messi in campo per bilanciare l’impatto economico delle nuove restrizioni disposte con il DPCM del 24 ottobre 2020.

La mensilità del REM va dai 400 agli 800 euro, e varia in base al valore della scala di equivalenza, pari a 1 per il primo componente del nucleo familiare e incrementata in base alla composizione del nucleo familiare. Il suo valore massimo è elevabile a 840 euro solo in casi particolari, come la presenza di disabili gravi o non autosufficienti nel nucleo familiare.

Dalla proroga della cassa integrazione per 6 settimane ai nuovi contributi a fondo perduto, sono diversi gli strumenti messi in campo per un valore totale di 5,4 miliardi di euro.

Come si legge nel comunicato stampa diffuso nella serata del 27 ottobre 2020, subito dopo l’approvazione del Decreto Ristori, “a tutti coloro che ne avevano già diritto e a chi nel mese di settembre ha avuto un valore del reddito familiare inferiore all’importo del beneficio verranno erogate due mensilità del Reddito di emergenza”.

Si tratta di una proroga per i vecchi beneficiari e di una nuova possibilità per chi, nel frattempo, si trova nelle condizioni che permettono di richiedere la misura di sostegno economico istituita con l’articolo 82 del Decreto Rilancio in favore dei nuclei familiari in difficoltà a causa dell’emergenza coronavirus.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.