Stefano Iambrenghi

Per effettuare il cambio di residenza e richiedere successivamente la DSU ISEE e successivamente il reddito di cittadinanza, non è necessario che il proprietario locatore cambi casa, se fra quest’ultimo ed il nuovo conduttore (il nuovo convivente) non sussistono vincoli di parentela, affinità o affettivi. Insomma, non è necessario che il proprietario trasferisca altrove la propria residenza attuale per formare du nuclei familiari autonomi sotto lo stesso tetto.

Tuttavia, nel caso in cui nell’abitazione dove si vuole trasferire la nuova residenza, fosse già residente un’altra famiglia (cioè il proprietario), è indispensabile che un suo rappresentante maggiorenne, dichiari di essere a conoscenza e di acconsentire al fatto che l’appartamento venga occupato da un altro convivente.

Oppure, più semplicemente nella fattispecie, il nuovo convivente deve ritirare un apposito modulo all’anagrafe, trasmetterlo al proprietario all’estero e farselo restituire compilato e sottoscritto, nonché accompagnato da una copia di un documento di riconoscimento.

Nell’era dell’acquisizione ottica e delle e-mail, non si tratta di un’operazione eccessivamente complicata.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.