Gennaro Andele

La proroga Covid per il pagamento bollo auto è già scaduta in molte regioni d’Italia: è bene sapere che gli evasori andranno incontro a multe piuttosto sostanziose in caso di inosservanza.

Infatti, bisogna precisare innanzitutto che il saldo del bollo auto è obbligatorio a prescindere che il veicolo in questione circoli oppure no: per far scattare il vincolo è sufficiente che il mezzo in questione sia iscritto al PRA (si tratta, dunque, di una tassa di possesso, e non di circolazione).

Ci è sembrato il caso di fare queste precisazioni in quanto alcuni potrebbero erroneamente pensare di avere molto tempo a disposizione per il pagamento del bollo auto per effetto della proroga Covid, magari già scaduta nella sua regione di residenza.

Laddove il tributo non venga versato entro i termini di scadenza, l’utente si vedrà sanzionato e poi obbligato a fare fronte ad alcuni interessi di mora, stabiliti in base al ritardo accumulato nel pagamento.

Chi verserà il contributo entro 14 giorni dalla scadenza si vedrà applicata una sovrattassa dello 0,1% per ogni giorno di ritardo, percentuale che salirà all’1,5% scattato il 15 giorno dalla scadenza, insieme allo 0,2% di interessi per ciascun giorno trascorso. Dal 31 esimo al 90 esimo giorno dalla scadenza la multa tocca quota 1,67% della cifra totale, mentre dal 91 esimo giorno in poi la sanzione sarà pari a 3,75% della cifra dovuta, oltre agli interessi previsti. Ad un anno e passa dalla scadenza utile per il pagamento bollo auto, la multa salirà al 30%, con in più lo 0,2% di interessi di mora.

Qualora si continui a non ottemperare ai propri doveri, la regione si riserverà il diritto di inviare un sollecito di pagamento, cui poi seguirà, sempre in caso di inadempienza reiterata, l’intervento dell’Ente di Riscossione incaricato per l’emissione della cartella esattoriale, cui infine seguirà, in ultima istanza, il fermo amministrativo del mezzo in questione.

Non esiste alcuna pace fiscale per quanto riguarda il bollo auto, il cui pagamento è stato semplicemente oggetto di proroga Covid (per conoscere le scadenze previste per ciascuna regione vi invitiamo a visitare il sito istituzionale preposto).

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.