Marzia Ciunfrini

Se non si riesce a risolvere la questione con il ricorso al buon senso reciproco fra i condomini coinvolti, non resta che affidarsi ad un avvocato il quale prima effettuerà una diffida alla controparte e successivamente, qualora il problema non venisse eliminato, procederà, con l’assenso del cliente, ad una citazione in tribunale del proprietario dell’immobile posto al piano superiore, per ottenere un risarcimento danni.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.