Patrizio Oliva

Leggendo in questi giorni siti, decreti oltre che circolari dell’ultima ora dell’Inps noto una gran confusione provocata dal governo e 1000 decreti attuativi. Appena l’Inps ha reso disponibile la domanda per il bonus colf -badanti di 500 euro mi sono precipitata a farla on line direttamente. Però anche dalle risposte a qualche domanda persino in questo forum non si ha assoluta certezza se il bonus è cumulabile o compatibile con Naspi e Dis-CoLL. Siccome ho intenzione di presentare proprio la Naspi (che è più duratura rispetto al bonus colf) vorrei rinunciare alla domanda già presentata on line, salvo ripresentarla successivamente alla Naspi nel caso venisse accertata al 100% la loro compatibilità e sempre ammesso che poi l’Inps la riammetta in lavorazione. E’ già successo un ripensamento e poi una ripresentazione di una stessa prestazione? Cosa rischio?

Nulla possiamo aggiungere rispetto a quanto riportato nell’intervento precedente, se non che sarebbe difficile per l’INPS recuperare l’eventuale indebito qualora fosse già stato emesso il provvedimento e il relativo pagamento, e successivamente dichiarata l’incompatibilità fra NASpI e l’indennità fruita dal lavoratore domestico.

Il recupero dell’indebito, infatti, potrebbe basarsi esclusivamente su una dichiarazione falsa o mendace resa dal richiedente l’indennità in fase di presentazione della domanda (articolo 71 del DPR 445/2000).

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.