Chiara Nicolai

L’indennità per i lavoratori domestici è incompatibile con le altre indennità erogate dall’INPS per i lavoratori danneggiati dall’emergenza epidemiologica Covid-19, con il Reddito di Emergenza e con il Reddito di Cittadinanza.

Più precisamente, l’indennità per i lavoratori domestici è incompatibile con:

  • l’indennità per i professionisti e lavoratori con rapporto di collaborazione coordinata e continuativa;
  • l’indennità per i lavoratori autonomi iscritti alle Gestioni speciali dell’Ago;
  • l’indennità lavoratori stagionali del turismo e degli stabilimenti termali
  • l’indennità lavoratori del settore agricolo;
  • l’accesso al Fondo per il reddito di ultima istanza a favore dei lavoratori danneggiati dal virus COVID-19;
  • il Reddito di emergenza;
  • il Reddito di cittadinanza, il cui ammontare del beneficio risulti superiore o pari all’ammontare dell’indennità Lavoratori Domestici.

Spetta al lavoratore domestico per il quale risulti l’iscrizione del rapporto di lavoro attivo nella Gestione dei Lavoratori domestici dell’INPS; per il quale l’orario settimanale dell’unico rapporto di lavoro o la somma dell’orario dei vari rapporti di lavoro, alla medesima data del 23 febbraio 2020, abbia una durata complessiva superiore a 10 ore; per il quale non risulti la convivenza con alcuno dei datori di lavoro.

La durata complessiva, superiore a 10 ore settimanali, deve risultare dalle comunicazioni inviate all’INPS dal datore di lavoro entro il 23 febbraio 2020.

Infine, anche la condizione della “non convivenza” con il datore di lavoro è desunta dalle comunicazioni inviate all’INPS dal datore di lavoro entro la predetta data, sulla base del contratto.

Tuttavia, la normativa vigente non ha previsto alcuna incompatibilità fra l’indennità spettante per i lavoratori domestici e l’indennità di disoccupazione NASpI.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.