Patrizio Oliva

Purtroppo la domanda di accesso alla Cassa integrazione Guadagni in Deroga (CIGD), con causale di accesso COVID-19 nazionale, può essere presentata dal solo datore di lavoro.

A nostro parere, le conviene presentare all’INPS istanza di accesso alla NASpI, dopo aver inviato, con raccomandata AR, al datore di lavoro una comunicazione di diffida, finalizzata ad esigere il pagamento delle retribuzioni arretrate, il rispetto del contratto di lavoro sottoscritto e l’attivazione, qualora ve ne ricorressero i presupposti, degli strumenti di integrazione salariale previsti dalla normativa vigente. Seguita da un’ulteriore comunicazione di dimissioni volontarie in ragione dell’omesso riscontro in tempi brevi alla precedente diffida. Ma non basta una e-mail, a meno che mittente e destinatario non siano entrambi forniti di casella di posta elettronica certificata (PEC): occorre una notifica formale, correttamente perfezionata, per compiuta giacenza in caso di irreperibilità del destinatario, presso la residenza anagrafica, o la sede di attività, così come riportata nel Registro Imprese, del datore di lavoro. Anche perché gli attestati delle spedizioni delle comunicazioni di diffida e di conseguenti dimissioni volontarie, vanno allegati alla pratica di richiesta dell’indennità di disoccupazione.

Infatti, si ha diritto all’indennità di disoccupazione NASpI anche in seguito a dimissioni per giusta causa, qualora le dimissioni non siano riconducibili alla libera scelta del lavoratore, ma siano indotte da comportamenti altrui che implicano la condizione di improseguibilità del rapporto di lavoro, come nella fattispecie.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.