Michelozzo Marra

Con il modello INPS RDC/PDC COM Esteso deve essere comunicata ogni variazione relativa al patrimonio immobiliare e ai beni durevoli intervenuta rispetto a quanto è presente nell’attestazione ISEE in corso di validità, che comporti il venir meno dei requisiti di legge.

Nella fattispecie, per il patrimonio immobiliare (acquisto della casa) la perdita del requisito si verifica al superamento della soglia pari a 30 mila euro del valore IMU dell’immobile al netto dell’eventuale franchigia per la casa di abitazione. Tuttavia, poichè per la casa di residenza si applica una franchigia di 52 mila euro al valore IMU dell’immobile, il beneficio non viene revocato qualora la coppia percettrice di reddito di cittadinanza fissi la residenza nella casa acquistata.

Con il modello INPS RDC/PDC COM Esteso deve essere comunicato, entro 15 giorni dall’acquisizione, il possesso di somme o valori superiori alle soglie previste per il patrimonio mobiliare, a seguito di donazione, successione o vincite. La soglia, lo ricordiamo, è pari a seimila euro, accresciuta di euro 2.000 per ogni componente il nucleo familiare successivo al primo, fino ad un massimo di euro 10.000, incrementato di ulteriori euro 1.000 per ogni figlio successivo al secondo.

Pertanto, è meglio che l’assegno da 20 mila euro venga intestato direttamente al venditore, ed a questi conferito tramite notaio: bisogna correre il rischio di far emergere comunque la donazione, parziale, indiretta. Intestando l’assegno al venditore, e rogitando l’immobile con uno sconto di ventimila euro, entrambe le parti rischiano sanzioni ed accertamenti fiscali per evasione delle imposte dovute sul valore effettivo della compravendita.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.