Annapaola Ferri

La ringrazio per la risposta e pongo un’ultima domanda: io farei come segue (per motivi lunghissimi che non vado qui a spiegare). Con testamento lascerei la proprietà della casa a mia figlia. Usufrutto alla mia compagna (non siamo sposati) e usufrutto o diritto di abitazione a mia nipote. Questo è fattibile?

Forse non ci siamo spiegati bene: se vuole evitare che figlia, compagna e nipote si scannino in tribunale, facendo arricchire gli avvocati, ha bisogno di consultare un notaio il quale calcoli attentamente il valore della quota disponibile al testatore (al momento del decesso) e verifichi che il valore complessivo di usufrutto e diritto di abitazione rientri nel 50% della massa ereditaria (cioè, in assenza di donazioni effettuate in vita, che il valore dei legati non superi la metà del valore commerciale dell’immobile).

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.

Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca