Loredana Pavolini

Ho gia effettutato visura in CR, effettivamente c’è la presenza della sofferenza aggiornata mensilmente con l’aggiunta ogni anno degli interessi passivi (la mia perplessità nasce dal fatto che l‘ultimo estratto conto presente nel sito della banca è aggiornato al 31 /12/2005 ) se la ratio del garante della privacy dice che il massimo di permanenza sia di 5 anni nella CRIF rispetto al prodotto (sia carta o finanziamento o conto corrente) ed evidentemente con questa condizione in CR la banca può bellamente protrarre sine die la segnalazione …

Nel tentativo di chiarire la questione è forse utile ricordare due cose.

La prima: CRIF (Centrale Rischi di Intermediazione Finanziaria) è un Sistema di Informazioni Creditizie (SIC) privato. In conformità al codice deontologico e di buona condotta per il trattamento dei dati personali effettuato a fini di informazione creditizia, la posizione censita viene oscurata quando siano passati tre anni dalla segnalazione iniziale (e al massimo entro 5 anni qualora si rendessero necessari aggiornamenti della stessa). Trattandosi di affidamento in conto corrente (fido) in rosso, il termine decorre dalla data di chiusura del conto corrente, laddove solo in quella data il debito risulta certo, liquido ed esigibile.

La seconda: la CR (Centrale Rischi) costituisce, invece, un sistema di rilevazione pubblico, gestito dalla Banca d’Italia che serve anche e soprattutto a monitorare l’esposizione globale complessiva del circuito bancario e finanziario. In essa vengono censite le posizioni debitorie superiori a 30 mila euro e quelle postate in sofferenza di qualsiasi importo (evidentemente, la prima segnalazione, nella fattispecie, è intervenuta in data successiva alla chiusura del conto corrente scoperto). Si parla di sofferenza quando il cliente è valutato in stato di insolvenza (cioè irreversibilmente incapace di saldare il proprio debito). La classificazione a sofferenza è il risultato dell’autonoma valutazione della situazione finanziaria complessiva del cliente da parte della banca o dell’intermediario finanziario. L’appostazione a sofferenza della posizione debitoria confluisce quindi in CR Bankitalia qualsiasi sia l’importo del credito, come abbiamo già accennato. La segnalazione della posizione in Centrale Rischi Bankitalia deve essere reiterata dal creditore mensilmente, per legge, almeno fino a quando il creditore classifica il credito non rimborsato come perdita e/o lo cede a terzi (fruendo delle conseguenti agevolazioni fiscali). Da quel momento, e solo da quel momento, trovano applicazione le regole stabilite dal Garante per la protezione dei dati personali (praticamente le esigenze di privacy passano in secondo piano rispetto alle esigenze di conoscere in ogni momento la reale esposizione del sistema creditizio italiano). Quindi, la posizione debitoria censita non viene più aggiornata mensilmente e resta visualizzabile per tre anni dall’ultimo aggiornamento (passaggio a perdita dell’importo non recuperato o della differenza fra l’importo non recuperato e l’introito da factoring in caso di cessione a terzi).

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.

Domande

Forum

Privacy

Home

Cerca per tag

Altre Info

Cerca