Genny Manfredi

Tutto dipende da quanto ricaverà dalla vendita del monolocale e dal tempo che impiegherà ad acquistare la nuova casa: in teoria, la perdita del requisito per continuare a fruire del reddito di cittadinanza verrebbe eventualmente rilevata a gennaio del 2022 in occasione del rinnovo ISEE (se l’alienazione si perfezionerà nel corso del 2020).

Ricordiamo, infatti, che per continuare ad aver diritto al reddito di cittadinanza, è necessario avere un saldo di conto corrente al 31 dicembre del secondo anno precedente a quello di presentazione della DSU/ISEE (o una giacenza media, se maggiore del saldo) non superiore a una soglia di euro 6.000, accresciuta di euro 2.000 per ogni componente il nucleo familiare successivo al primo, fino ad un massimo di euro 10.000, incrementato di ulteriori euro 1.000 per ogni figlio successivo al secondo.

Tuttavia, già entro il 15 gennaio 2021, qualora al 31 dicembre 2020 avesse superato la soglia limite prevista dalla normativa vigente per il valore del patrimonio mobiliare, sarebbe tenuto a comunicare la variazione (perdendo il beneficio) attraverso il modello RDC/PDC COM esteso, allo scopo previsto.

Pertanto, per essere sicuri di non perdere il diritto al reddito di cittadinanza, converrà acquistare subito un appartamento con il ricavato della vendita del monolocale.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.

Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca