Stefano Iambrenghi

Il mutuo fondiario ceduto da banca pagato regolarmente può essere revocato dalla società cessionaria?

la banca può invocare come causa di risoluzione del contratto il ritardato pagamento quando lo stesso si sia verificato almeno sette volte, anche non consecutive. A tal fine costituisce ritardato pagamento quello effettuato tra il trentesimo e il centottantesimo giorno dalla scadenza della rata (articolo 40, comma 2 del Testo Unico Bancario).

La risoluzione del contratto comporta la decadenza del beneficio del termine (DBT) e la contestuale richiesta del rimborso del capitale residuo in un’unica soluzione.

La regola sopra citata vale per qualsiasi tipo di contratto prestito, sia esso in rapporto con il creditore originario, sia quando esso sia stato ceduto a terzi.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.