Lilla De Angelis

L’azione di annullamento di un atto si prescrive in cinque anni: tuttavia, quando l’annullabilità dipende da vizio del consenso o da incapacità legale, il termine decorre dal giorno in cui è stato scoperto l’errore o il dolo. Così dispone l’articolo 1442 del codice civile.

Naturalmente, si deve dimostrare l’incapacità d’intendere o di volere al momento in cui gli atti sono stati compiuti e la malafede dell’altro contraente (articolo 428 del codice civile).

Non esiste il reato civile, ma solo l’illecito civile.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.

Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca