Giuseppe Pennuto

Tutti noi automobilisti dovremmo sapere che se vediamo un posto di blocco sulla strada che percorriamo, nonostante l’istinto e la solidarietà siano forti, è assolutamente vietato segnalare la loro presenza agli automobilisti che incrociamo.

Infatti, segnalare, con i lampeggianti, la presenza di un’auto della polizia, dei carabinieri, un posto di blocco o, ancora, un autovelox, al fine di avvisare gli automobilisti provenienti dal senso opposto di marcia della possibilità di un controllo, costituisce una violazione del codice della strada e, dunque, un illecito amministrativo, ma non un reato.

Quindi, chi viene colto a segnalare coi fari un posto di blocco o un autovelox è soggetto a una comune multa come quella per la violazione dei limiti di velocità.

Il codice della strada, infatti, individua tutti i casi in cui è possibile usare i dispositivi luminosi (ossia i fari abbaglianti e anabbaglianti), escludendone l’impiego per tutto ciò che non è previsto dalla norma.

Difatti, l’ultimo comma dell’articolo 153 del codice stradale stabilisce che chiunque usa impropriamente i dispositivi di segnalazione luminosa è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 41 a euro 168.

Tra questi usi impropri vi è anche la segnalazione della presenza del posto di blocco o di autovelox.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.

Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca