Giuseppe Pennuto

Quando vi è contestazione immediata della violazione al codice della strada la notifica avviene tramite consegna nelle mani del trasgressore del verbale originale, solitamente redatto a mano su moduli prestampati.

A tale contestazione immediata deve seguire la notifica di copia del verbale, entro 100 giorni, ad uno dei soggetti solidalmente responsabili, se esistenti (il proprietario del veicolo) quando non coincidente con il trasgressore, ad esempio).

L’obbligazione è in solido quando più debitori sono obbligati tutti per la medesima prestazione, in modo che ciascuno può essere costretto all’adempimento per la totalità e l’adempimento da parte di uno libera gli altri (articolo 1292 del codice civile).

Questo è il cosiddetto principio di solidarietà per il quale il proprietario del veicolo viene considerato appunto “obbligato in solido” con chi ha commesso la violazione, anche se, di fatto, non vi ha partecipato in alcun modo.

Il debitore in solido che ha pagato l’intero debito può chiedere ai condebitori la parte dovuta da ciascuno di essi (regresso fra condebitori, articolo 1299 del codice civile).

La Pubblica Amministrazione può scegliere il debitore solidale da cui pretendere il pagamento: in pratica, trascorsi i 60 giorni dalla notifica diretta del verbale di violazione nelle mani del trasgressore, può anche accadere che, in caso di omesso pagamento, allo stesso trasgressore venga notificata una cartella esattoriale (o una ingiunzione fiscale) e qualora persista l’inadempimento, nei confronti dello stesso trasgressore vengano avviate le azioni esecutive.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.

Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca