Ludmilla Karadzic

Il codice civile (articolo 63 delle Disposizioni Attuative) dispone che per la riscossione dei contributi in base alla stato di ripartizione approvato dall’assemblea, l’amministratore, senza bisogno di autorizzazione di questa, può ottenere un decreto di ingiunzione immediatamente esecutivo, nonostante opposizione, ed è tenuto a comunicare ai creditori non ancora soddisfatti che lo interpellino i dati dei condomini morosi. I creditori non possono agire nei confronti degli obbligati che sono in regola con i pagamenti, se non dopo l’escussione dei condomini morosi.

Pertanto, è presumibile che l’amministratore o l’impresa che ha effettuato i lavori, chieda al giudice un decreto ingiuntivo, nei confronti del condomino moroso, dal momento che deve essere rispettato il cosiddetto beneficio di escussione, in base al quale i condomini in regola con i versamenti deliberati non possono essere assoggettati ad azione esecutiva del creditore se non dopo la riscossione coattiva del condomino moroso.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.

Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca