Marzia Ciunfrini

ErGo è l’Azienda Regionale per il Diritto agli Studi Superiori dell’Emilia Romagna ed è stata istituita con legge regionale 15/2007. Offre servizi a studenti e neolaureati delle Università e degli Istituti dell’alta formazione artistica e musicale dell’Emilia Romagna, studenti e neolaureati stranieri inseriti in programmi di mobilità internazionale e di ricerca, a ricercatori e professori provenienti da altre Università o istituti di ricerca italiani o stranieri.

Il contratto di servizio che lo studente che concorre per la borsa di studio deve sottoscrivere, accettandone le condizioni, prevede, fra l’altro che chi incorre nella revoca della borsa di studio deve restituire l’importo complessivo ricevuto (sia la quota in denaro che la quota in servizi), e precisamente l’importo della rata di borsa riscossa, l’importo delle rette per il posto alloggio trattenute dalla borsa di studio, l’importo effettivamente consumato per il servizio di ristorazione.

E’ prevista anche la compensazione debito/credito qualora lo studente acceda ad una nuova borsa di studio erogata da Er.Go.

Pertanto, non ha alcun fondamento giuridico la pretesa di restituzione di quanto indebitamente percepito al momento del conseguimento di una occupazione: mi rendo conto che le norme sono inique, poiché il nuovo importo erogato, al netto dei prelievi per il rimborso del vecchio debito, crea enormi difficoltà allo studente debitore nella prosecuzione degli studi, ma, purtroppo, attualmente le regole sono queste.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.

Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca