Gennaro Andele

Qualora si acquistasse una nuova vettura e si volesse trasferire la polizza Rc auto sul nuovo acquisto, è possibile scegliere due strade: la prima, è lo spostamento dell’Rc auto, la seconda, è il cambio compagnia assicurativa.

Il primo chiarimento, è che nessun problema sorge dal momento in cui il passaggio di una polizza su un veicolo diverso avviene per il medesimo proprietario.

In questi casi, se si dimostra di non essere più proprietari del veicolo alienato, anche la classe di merito non subisce variazioni, a meno che, non si decida di cambiare compagnia.

In caso di acquisto di diversa Rc auto su un nuovo veicolo infatti, ferma restando la classe universale acquisita, e certificata nell’attestato di rischio, ben può variare il sistema di classi di merito interne praticato da ciascuna impresa assicurativa.

Per effettuare il passaggio della polizza è necessario che si verifichi una delle seguenti ipotesi: vendita del veicolo, demolizione, furto (bisogna in tal caso essere muniti della denuncia di furto), certificato di cessazione della circolazione, esportazione all’estero del veicolo o consegna in conto vendita.

Ciascuna compagnia assicurativa ha le proprie politiche e regole interne per il trasferimento delle polizze.

In linea generale però, possiamo riassumere quali sono i passaggi da compiere e quali documenti sono necessari per sbrigare la pratica.

Per maggiori informazioni si consiglia di visionare il contratto Rca, le condizioni generali di contratto e il fascicolo informativo.

Comunque, i documenti richiesti ai fini del trasferimento sono i seguenti:

  • prova o atto dell’alienazione dell’auto per i casi sopra citati (atto di vendita, di rottamazione o di esportazione etc etc…):
  • carta verde;
  • certificato o contrassegno assicurativo della vecchia auto;
  • libretto del veicolo su cui si vuole spostare la polizza.

In ogni caso, il trasferimento non è per niente complicato, basterà recarsi presso le sedi della compagnia assicurativa scelta, e presentare questi documenti.

Attenzione però, il passaggio non potrà essere possibile se la vecchia automobile non sarà venduta o rottamata.

Per coloro che desiderano né vendere e né rottamare il vecchio veicolo, è possibile usufruire della sospensione temporanea della vecchia polizza qualora il contratto stipulato in precedenza lo preveda, e contemporaneamente pensare a stipulare una nuova polizza mantenendo sempre la stessa identica classe di merito.

Questo è possibile ormai da diversi anni grazie alla Legge Bersani, che appunto prevede di assicurare due veicoli dello stesso identico proprietario con la stessa classe di merito a patto che la seconda automobile non sia mai stata assicurata.

Così facendo, se si desidera, si potrà rimettere in moto il vecchio veicolo riattivando la polizza ad essa relativa e senza quindi dover pagare due premi, ovviamente solo se non si decide di utilizzare le due automobili contemporaneamente.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.

Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca