Giorgio Martini

Se il decesso del creditore procedente interviene dopo la notifica del pignoramento al debitore esecutato, l’avvocato del creditore defunto può continuare l’azione esecutiva (nell’interesse degli eredi).

Il problema potrebbe sussistere se, e solo se, il decesso del creditore procedente avvenisse prima della notifica del pignoramento: in tale ipotesi, sarebbe necessario agli eredi dotarsi del creditore procedente defunto di conferire un nuovo mandato, acquisire un nuovo titolo esecutivo e procedere nuovamente all’avvio dell’azione esecutiva nei confronti del debitore.

Questo, perché, nel caso di espropriazione forzata non si tratta di continuare nella gestione della lite, per conto della parte defunta o divenuta incapace, bensì di iniziare un nuovo processo, la valutazione delle cui convenienza od opportunità non può essere rimessa ad una scelta altrettanto discrezionale del difensore incaricato dal creditore defunto (Cassazione sentenza 8959/2018).

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.

Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca