Ornella De Bellis

Molto dipende dalle clausole del contratto di garanzia: se è previsto il beneficio di escussione per il garante (il fondo di garanzia), la banca dovrà prima tentare l’azione esecutiva nei confronti del debitore principale (lei) per il 100% del debito residuo: qualora i pignoramenti sui beni di proprietà del debitore principale risultassero infruttuosi, la banca potrà chiedere al fondo di garanzia il rimborso dell’80% del debito residuo (o rimasto insoddisfatto a seguito delle azioni esecutive avviate). Successivamente il fondo di garanzia eserciterà il diritto di rivalsa sul debitore principale.

Qualora, invece, nel contratto stipulato fra creditore e fondo di garanzia, non sia previsto il beneficio di escussione, allora la banca chiederà un decreto ingiuntivo per il 20% del debito residuo e il rimborso al garante per il rimanente 80%. In un tale scenario, convergeranno le azioni esecutive avviate da banca e fondo di garanzia, nei confronti del debitore principale, finalizzate al recupero di quanto non rimborsato dal creditore principale.

Insomma, per il debitore principale cambia poco in ogni caso.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.

Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca