Lilla De Angelis

Nei contratti con prestazioni corrispettive (quale quello di compravendita di un’auto usata), quando uno dei contraenti non adempie le sue obbligazioni, l’altro può a sua scelta chiedere l’adempimento (la riparazione in garanzia) o la risoluzione del contratto, salvo, in ogni caso, il risarcimento del danno (pari al costo del passaggio di proprietà, ad esempio, nell’ipotesi di risoluzione contrattuale).

Non è tuttavia così semplice costringere il concessionario ad applicare l’articolo 1453 del codice civile: certo, si può proporre alla concessionaria venditrice la risoluzione del contratto: ma, in caso di diniego, bisogna poi rivolgersi necessariamente al giudice.

Il contratto, se è stato controfirmato in ogni foglio, non è facilmente manipolabile: certo, sarebbe stato meglio avere conservato una copia dell’originale, ma in caso di contestazioni può essere richiesta, in giudizio, l’esibizione dell’originale stesso che certamente la concessionaria avrà custodito.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.