Giorgio Martini

Riguardo un eventuale pagamento in ritardo, il Decreto Legge 119/2018, convertito con modificazioni dalla Legge 136/2018, ha introdotto un’importante novità a favore del debitore: infatti si prevede un massimo di 5 giorni di ritardo nel pagamento rispetto alla scadenza della rata, senza incorrere in sanzioni o perdere il beneficio della definizione agevolata.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.