Ludmilla Karadzic

Il termine per l’adempimento delle obbligazioni cambiarie si considera stabilito nell’interesse del debitore: l’articolo 45 del Regio decreto 1669/1933 stabilisce che il portatore non è tenuto ad accettare un pagamento prima della scadenza. Tuttavia, se il pagamento anticipato della cambiale ha luogo, esso si considera effettuato a rischio e pericolo del debitore.

In altre parole, il debitore non potrà invocare la norma sull’effetto liberatorio del pagamento effettuato se il portatore che riceve il pagamento non sarà in grado di restituire la cambiale, avendola precedentemente girata a terzi (e non risultando più, al momento della scadenza della cambiale, titolare del credito da essa portato).

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.