Ludmilla Karadzic

La questione è semplice: a fronte di un ritardo persistente nel pagamento del piano di dilazione concordato, Banca IFIS ha deciso, come è suo diritto, di risolvere l’accordo di dilazione e chiedere al debitore inadempiente il pagamento del debito residuo in un’unica soluzione, entro 10 giorni.

In caso di ulteriore inadempimento seguirà decreto ingiuntivo, precetto e pignoramento: in pratica Banca IFIS ha deciso di intraprendere la via giudiziale di riscossione coattiva.

Ma fino a quando sarà disoccupata e nullatenente, non avrà nulla da temere.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.