Carla Benvenuto

La prassi è quella di pignorare dapprima il conto corrente del debitore sottoposto ad azione esecutiva e, successivamente, per il recupero dell’eventuale residuo, la pensione.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.