Marzia Ciunfrini

Si tratta, essenzialmente, di un incontro fra le parti in contenzioso finalizzata a comporre la controversia raggiungendo un accordo condiviso e soddisfacente per tutti: l’incontro è gestito da un professionista terzo, indipendente e imparziale.

Ciascuna delle parti in lite è assistita dal proprio avvocato: se l’accordo non si raggiunge la lite prosegue regolarmente in tribunale. Può essere l’occasione per evitare di dover sostenere ulteriori spese giudiziali.

Nel corso dell’incontro di mediazione può anche lasciar trattare la questione al suo legale di fiducia: tuttavia un incontro preliminare con il professionista che l’assisterà è necessario al fine di analizzare i possibili scenari alternativi all’accordo e le eventuali condizioni minime accettabili per concludere positivamente la mediazione.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.