Genny Manfredi

L’autorizzazione alla corresponsione dell’assegno ANF è necessaria quando il figlio minore è affidato alla madre ed il padre naturale non convive con il minore.

Nel caso di genitori entrambi lavoratori dipendenti, l’autorizzazione alla corresponsione dell’assegno ANF è finalizzata ad evitare possibili duplicazioni nel pagamento.

Qualora, invece, solo il padre naturale del minore svolga attività di lavoro dipendente, l’autorizzazione alla corresponsione dell’assegno ANF è finalizzata ad accreditare l’importo dell’assegno per il nucleo familiare direttamente alla madre affidataria del minore.

Nella fattispecie, tuttavia, mancando il riconoscimento da parte dell’altro genitore, l’autorizzazione è inutile: tuttavia, è ben vero che al datore di lavoro deve essere fornita una informazione in tal senso, ad esempio, l’atto di nascita del minore.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.