Annapaola Ferri

Il giudice, con la sentenza, condanna la parte soccombente al rimborso delle spese a favore dell’altra parte e ne liquida l’ammontare insieme con gli onorari di difesa (articolo 91 del codice di procedura civile).

Quindi, nella sentenza, il giudice dovrebbe aver quantificato l’importo delle spese a carico della parte soccombente. Altrimenti, l’avvocato della parte vittoriosa deve produrre una nota spese specifica, formulata in relazione ai minimi previsti dalla tariffa forense per i compensi: l’importo delle spese a favore della parte vittoriosa non coinciderà necessariamente con quanto effettivamente versato dall’assistito al professionista (importo delle/delle fattura/fatture).

Alle spese per l’assistenza tecnica della parte vittoriosa va aggiunto il cosiddetto rimborso forfetario delle spese generali (ai sensi dell’articolo 1, comma 2, del decreto ministeriale 140/2012) che costituisce una componente delle spese giudiziali, la cui misura è predeterminata dalla legge, e, tuttavia, compete automaticamente al difensore della parte vittoriosa.

Può pubblicare la sentenza con i riferimenti di entrambe le parti completamente oscurati.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.