Ludmilla Karadzic

Sarà necessario un ricorso al giudice delle esecuzioni del Tribunale competente per chiedere che il prelievo della quota pignorata venga ridotta al 20% dello stipendio percepito durante il periodo di maternità (al netto delle ritenute fiscali e contributive e al lordo della rata destinata al rimborso del prestito dietro cessione del quinto). E, purtroppo, è necessaria l’assistenza tecnica di un avvocato.

Per quanto riguarda, invece, gli indennizzi eventualmente erogati dal fondo aziendale, può stare tranquilla dal momento che non si tratta di redditi percepito dal debitore sottoposto ad azione esecutiva.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.