Giorgio Martini

Deve essere consapevole che potrà essere raggiunta, anche in Austria, da un titolo esecutivo europeo: il titolo esecutivo europeo è un certificato che accompagna una decisione giudiziaria nazionale come il decreto ingiuntivo che le è stato notificato e che non sarà opposto, e ne consente l’esecuzione in un altro Stato membro dell’Unione Europea (a cui l’Austria appartiene). Vale, in particolare, come nel caso in discussione, per i crediti non contestati laddove un giudice nazionale abbia già deciso che l’importo in questione è dovuto al ricorrente.

Di norma il titolo esecutivo europeo va richiesto al giudice che ha pronunciato la decisione giudiziaria in Italia.

Per chiarezza, aggiungiamo che, ai fini del titolo esecutivo europeo, un credito si considera non contestato se il debitore lo ha riconosciuto davanti al giudice, in una transazione giudiziaria o in un atto pubblico, oppure se non lo ha contestato o se, dopo averlo contestato, non è comparso davanti al giudice (ammissione tacita).

Comunque, il creditore dovrà sempre trovare uno studio legale in Austria (o anche italiano che operi in Austria) per avviare la procedura esecutiva (come il pignoramento del conto corrente detenuto presso una banca in Austria o dello stipendio percepito in terra austriaca) basata sul titolo esecutivo europeo.


Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.