Lilla De Angelis

Quello che può contestare sono i trasferimenti in denaro che suo padre può aver fatto in vita a sua sorella (e a sua madre se il regime patrimoniale adottato dai suoi genitore era quello di separazione dei beni) rilevati dall’analisi degli estratti di conto corrente del defunto a cui lei ha diritto di accedere in qualità di erede.

Non è necessario accettare con beneficio di inventario, opzione che è utile solo quando il de cuius lascia debiti.

Tuttavia, ha bisogno di un avvocato per esercitare l’azione di riduzione delle donazioni in danaro effettuate in vita da suo padre in favore di sua sorella.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.