Rosaria Proietti

Parlo di srl unipersonale: la mia curiosità e se essendo una srl per accollare tutti i debiti antecedenti al nuovo amministratore poi fallito se serve in processo, una condanna.

A parte il reato tributario penale che si configura quando vengono superate le soglie fissate dalla legge per evasione di IRPEF e IVA e quello di bancarotta fraudolenta, la Corte di cassazione con la sentenza 39437/2014 ritiene che risponde per omesso versamento di quanto dovuto all’erario l’amministratore entrato in carica poco prima della scadenza del termine di pagamento, o di atti esecutivi, delle imposte pregresse.

Per i giudici di piazza Cavour, l’assunzione della carica di amministratore comporta, per comune esperienza, una minima verifica della contabilità, dei bilanci e delle ultime dichiarazioni dei redditi. Ove ciò non avvenga, è evidente che colui che assume la carica di amministratore si espone volontariamente a tutte le conseguenze che possono derivare da pregressi inadempimenti.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.