Ornella De Bellis

Ma in caso di fallimento e se non c’era liquidità per saldare i vecchi debiti e se gli accertamenti erano vecchi di anni a nome della srl risponde con beni propri il nuovo amministratore?

Spesso cestiniamo domande come la sua, per il semplice fatto che non siamo in grado di fornire risposte certe: quando si tratta di una società di persone, i debiti erariali e non, restano in capo al socio. Nel caso di srl il socio cerca di pressare l’amministratore affichè conceda dividendi invece di pagare tributi e contributi. A volte va bene (l’amministratore conserva il mandato e il socio ingrassa il conto corrente), altre volte l’amministratore ci lascia le penne. Questione di fortuna e di circostanze astrali, più che altro.

Se così non fosse, si stabilirebbe un regime di impunità per le società a responsabilità limitata riguardo il pagamento di tributi e di contributi: mentre un creditore normale di una srl può reagire agli inadempimenti revocando fideiussioni e/o interrompendo le forniture, lo Stato resterebbe praticamente indifeso rispetto all’evasione continuata di IVA, IRPEF, IRAP, contributi dovuti all’INPS e premi assicurativi dovuti all’INAIL, a cui potrebbe opporre le solite, spesso inefficaci nel contesto di una srl, azioni esecutive tipo (pignoramento del conto corrente, pignoramento dei beni aziendali nei limiti del quinto, eccetera). Per questa ragione l’Agenzia delle Entrate cerca di responsabilizzare gli amministratori di srl: colpirne uno, per educarne cento.

Il fallimento non è una esimente: bisogna vedere come si è arrivati al fallimento. Se spulciando i bilanci storici si evince che sono stati distribuiti dividendi quando c’erano da pagare debiti erariali pregressi la questione di perseguire l’amministratore si potrebbe porre.

Qui, finisce la discussione: nessuno potrà dirle se, stante la situazione, può stare tranquilla o deve preoccuparsi: anche per i crediti prescritti bisogna sempre capire se al momento in cui lei era amministratrice poteva pagare, invece di redigere bilanci con la distribuzione di dividendi ai soci.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.