Andrea Ricciardi

Non solo Agenzia delle Entrate Riscossione le pignorerà il conto corrente su cui verranno depositati i fondi provenienti dalla liquidazione (se si tratta di un paese estero in ambito UE sono ormai in atto procedure di mutua collaborazione fra le Agenzie fiscali), ma incorrerà in pesanti sanzioni per non avere inserito ,nel corso degli anni (come avrebbe dovuto), le rendite derivanti dal possesso delle polizze in dichiarazione dei redditi.

Inoltre, quasi sicuramente, in fase di accertamento d’ufficio dovrà giustificare come ha accumulato i 400 mila euro detenuti sul conto corrente estero: delle due l’una: riciclaggio di denaro sporco o evasione fiscale.

Forse, le conviene lasciare le polizze lì dove stanno ed attendere la loro scadenza contrattuale (anche qualora prevedesse il solo caso morte) ed accontentarsi di spendere i 900 euro/anno, come ha fatto finora. O, in alternativa, se fattibile, acquisire la residenza nel paese estero dove detiene il conto corrente.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.