Ornella De Bellis

In questo caso la quota riservata all’unico figlio, in assenza di coniuge, è pari alla metà del valore della casa: la quota disponibile al de cuius per i legati è naturalmente, pari al restante 50%.

Poi bisogna vedere cosa intendesse il defunto per diritti da lasciare al figlio (di usufrutto, di abitazione?): ma non credo che essi possano essere valorizzati fino alla metà del valore dell’immobile.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.