Loredana Pavolini

L’indennità di malattia a carico inps, anticipata dal datore di lavoro, è soggetta a pignoramento? oppure rientra nelle somme non pignorabili indicate nell’articolo 545 cpc ?

Sarei curiosa di capire se chi scrive è un datore di lavoro scrupoloso e attento alla salute ed agli interessi dei propri dipendenti o un debitore in malattia.

L’articolo 545 del codice di procedura civile dispone che le somme dovute da privati a titolo di stipendio, di salario o di altre indennità relative al rapporto di lavoro o di impiego, comprese quelle dovute a causa di licenziamento, possono essere pignorate nella misura di un quinto per i tributi dovuti allo Stato, alle province e ai comuni, ed in eguale misura per ogni altro credito.

L’indennità di malattia, seppur a carico INPS, in quanto anticipata dal datore di lavoro è un’indennità relativa al rapporto di lavoro, tanto è vero che se il debitore fosse in malattia, ma senza impiego, non avrebbe diritto a percepirla.

Speriamo che alla prossima non sia un funzionario INPS a porre una diversa domanda con i medesimi contenuti, visto che abbiamo già ospitato e risposto ad un datore di lavoro alle prese con il cedolino stipendiale del dipendente debitore esecutato e ad un indebitato dipendente sottoposto a pignoramento dello stipendio, in malattia, che ci scrive in attesa della visita di controllo fiscale.


Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.