Ludmilla Karadzic

Il procedimento di espropriazione forzata dei beni mobili da parte dell’Agenzia delle Entrate Riscossione (ADER) e’ regolato dalle norme ordinarie.

Pertanto, ADER può pignorare un veicolo con la procedura semplificata di cui all’articolo 521 bis del codice di procedura civile, secondo il quale il pignoramento di autoveicoli, motoveicoli e rimorchi può essere eseguito anche mediante notifica al debitore e successiva trascrizione nei pubblici registri (PRA).

Il pignoramento contiene l’intimazione a consegnare entro dieci giorni il bene pignorato (nonché i titoli e i documenti relativi alla proprietà e all’uso dei medesimi) all’Istituto Vendite Giudiziarie (IVG) autorizzato ad operare nel territorio del circondario nel quale e’ compreso il luogo in cui il debitore ha la residenza, il domicilio, la dimora o la sede o, in mancanza, a quello più vicino.

Con il pignoramento il debitore è costituito custode dei beni pignorati e di tutti gli accessori, senza diritto a compenso.

Al momento della consegna l’istituto vendite giudiziarie assume la custodia del bene pignorato e ne dà immediata comunicazione ad ADER.

Decorso il termine concesso di 10 giorni dalla data di notifica del pignoramento, gli organi di polizia che accertano la circolazione del veicolo pignorato, o comunque lo rinvengono, procedono al ritiro della carta di circolazione nonché, ove possibile, dei titoli e dei documenti relativi alla proprietà e all’uso del veicolo e lo consegnano all’istituto vendite giudiziarie più vicino al luogo in cui il bene pignorato e’ stato rinvenuto.

Insomma, con l’atto di pignoramento, al debitore viene contestualmente ingiunto di astenersi da qualunque atto diretto a sottrarre alla garanzia del credito esattamente indicato il veicolo che si assoggetta ad espropriazione.

Decorsi 10 giorni dalla notifica dell’atto, senza che il debitore abbia consegnato materialmente il veicolo all’Istituto Vendite Giudiziarie , qualora nel corso di controlli sul territorio emergesse, a carico del veicolo, un pignoramento semplificato ex articolo 521 bis del codice di procedura civile, spetterà alla polizia stradale interromperne l’uso improprio, prelevando e consegnando materialmente il veicolo all’IVG.

La procedura potrà essere perfezionata con un semplice verbale di affidamento in custodia del veicolo.

Adesso che è venuto a conoscenza del gravame, può decidere se consegnare il veicolo al’IVG più vicino o attendere un eventuale ritiro forzato.

Per la prescrizione della cartella esattoriale che ha dato l’avvio alla procedura di pignoramento del veicolo dovrà attendere che passi un decennio (in caso di debiti erariali) dalla notifica dell’atto di pignoramento senza che ADER ne interrompa i termini con una comunicazione qualsiasi.

In alternativa, può chiedere la rateizzazione della cartella di pagamento in questione, in modo da ottenere, con il pagamento della prima rata, la sospensione della procedura esecutiva.

Non avendo ricevuto notifica dell’atto di pignoramento, può contestare la legittimità della cartella esattoriale da cui origina la procedura esecutiva a suo carico, ricorrendo, con il supporto di un avvocato, al giudice dell’esecuzione del Tribunale territorialmente competente, ex articolo 615 del codice di procedura civile. Tuttavia, va ricordato a tale proposito, che l’atto di pignoramento può essere stato correttamente notificato per compiuta giacenza presso l’ufficio comunale preposto (Albo Pretorio) in occasione di una temporanea assenza del destinatario dal luogo di residenza, così come correttamente notificata può essere stata la successiva raccomandata informativa (inviata al debitore esecutato dall’ufficiale giudiziario o dall’ufficiale della riscossione) dopo deposito di 10 giorni presso l’Ufficio postale.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca