Annapaola Ferri

Non capita che il creditore si riduca a pignorare roba vecchia che nemmeno riesce a piazzare all’asta: ma se capitasse, l’ufficiale giudiziario può pignorare tutti i beni pignorabili che trova in casa. E’ compito dell’effettiva proprietaria (la sua amica) dimostrare successivamente che i beni pignorati non erano di proprietà della debitrice, con un ricorso al giudice dell’esecuzione, l’assistenza tecnica di un avvocato e l’esibizione di prove documentali (fatture d’acquisto).

Di solito, per limitare eventuali danni da pignoramento incombente, l’ospitante e il debitore ospitato stipulano e registrano un contratto di comodato circoscritto a un locale esclusivo (di solito la camera da letto con mobili annessi) e ai locali di servizio ad uso condiviso (cucina e bagno) con possibilità di fruire di elettrodomestici e delle dispense ivi presenti.

Certo, se la sua amica possiede, in casa, arredi di pregio, quadri d’autore, complementi griffati, impianti asportabili tecnologicamente avanzati, gioielli e collezioni di valore, in assenza di un regolare contratto di comodato di ambienti e suppellettili conviene togliere il disturbo per evitare di danneggiarla.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.