Patrizio Oliva

Per giurisprudenza, ormai consolidata, il diritto conseguente all’assegnazione della casa coniugale è opponibile sino alla sua cessazione (raggiungimento indipendenza economica figli) ove il provvedimento giudiziale sia stato trascritto prima del pignoramento. Diversamente, l’assegnazione della casa coniugale non trascritta, o trascritta dopo il pignoramento, è opponibile all’acquirente per nove anni dalla data dell’assegnazione, purché il provvedimento giudiziale di assegnazione abbia data anteriore al pignoramento stesso (Cassazione 12466/2012).

Questo è quanto: la Corte di cassazione sembra rispondere affermativamente al suo quesito. Pertanto, non ci asteniamo dal formulare qualsiasi opinione, che risulterebbe, stante quanto sopra riportato, assolutamente ridondante.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.

Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca