Ludmilla Karadzic
Il fallito, persona fisica, è ammesso al beneficio della liberazione dai debiti residui nei confronti dei creditori insinuati e non soddisfatti a condizione che abbia cooperato con gli organi della procedura, fornendo tutte le informazioni e la documentazione utile all’accertamento del passivo e adoperandosi per il proficuo svolgimento delle operazioni. L’eventuale liberazione dai debiti riguarda solo quelli acquisiti nei confronti dei creditori che hanno optato per l’insinuazione al passivo nella procedura di fallimento e che non risultano essere stati soddisfatti integralmente. Restano esclusi dall’esdebitazione gli obblighi di mantenimento e quelli alimentari, le obbligazioni derivanti da rapporti estranei all’esercizio dell’impresa, il debito IVA, i debiti per il risarcimento dei danni da fatto illecito nonché le sanzioni penali ed amministrative di carattere pecuniario che non siano accessorie a debiti estinti. Se ADER si è insinuata nel fallimento e se lei ha già ottenuto il beneficio dell’esdebitazione, può trasmettere la documentazione ad ADER chiedendo la cancellazione dei debiti presenti in estratto conto. Se ritiene che i crediti siano prescritti, potrà agire giudizialmente.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.