Giorgio Valli

La normativa vigente prevede che possono usufruire della detrazione per ristrutturazione edilizia tutti i contribuenti assoggettati all’imposta sul reddito delle persone fisiche (Irpef), residenti o meno nel territorio dello Stato. L’agevolazione spetta non soltanto ai proprietari degli immobili ma anche ai titolari di diritti reali/personali di godimento e cioè proprietari o nudi proprietari, titolari di un diritto reale di godimento (usufrutto, uso, abitazione o superficie), locatari o comodatari. La condizione vincolante è che il soggetto che fruisce delle detrazioni abbia sostenuto le spese di ristrutturazione.

Tuttavia, l’articolo 16–bis del TUIR (Testo Unico delle Imposte sui Redditi) prevede che, in caso di vendita dell’unità immobiliare sulla quale sono stati realizzati interventi di recupero del patrimonio edilizio, la detrazione non utilizzata in tutto o in parte viene trasferita per i rimanenti periodi di imposta, salvo diverso accordo delle parti, all’acquirente persona fisica dell’unità immobiliare.

La norma prevista per la compravendita si estende, per analogia, anche all’ipotesi di donazione, se nell’atto non è esplicitamente previsto che lei non possa fruire delle rate annuali residue del bonus fiscale.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca