Simone di Saintjust

Quella di cui ho sentito dire un gran bene, è la carta HYPE di Banca Sella, referenziata qui. Si tratta di una prepagata con IBAN, senza spese di gestione, con possibilità di bonifico in Italia a costo zero.

Un’altra soluzione molto diffusa, pratica ed economica, giusto per non essere scambiati per markettari volendo dar seguito ad una specifica richiesta di un nostro lettore, è la carta N26 (in realtà anche un conto corrente embedded in una app da caricare sullo smartphone), pubblicizzata qui. Senz’altro utilizzabile da un protestato dal momento che non prevede rilascio di un carnet assegni. Unico neo: è gestita da una startup teutonica.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.