Roberto Petrella

Per aver diritto al reddito di cittadinanza, il nucleo familiare deve possedere un valore del patrimonio mobiliare, come definito a fini ISEE, non superiore a una soglia di euro 6 mila, accresciuta di euro 2 mila per ogni componente il nucleo familiare successivo al primo, fino ad un massimo di euro 10 mila, incrementato di ulteriori euro mille per ogni figlio successivo al secondo; i predetti massimali sono ulteriormente incrementati di euro cinquemila per ogni componente con disabilità, come definita a fini ISEE, presente nel nucleo familiare.

Quindi, nella fattispecie, la soglia relativa al valore del patrimonio mobiliare da non superare per accedere al reddito di cittadinanza, sarebbe di 17 mila euro, considerando la maggiorazione di 6 mila euro per i 3 componenti dell nucleo successivi al primo, e di 5 mila euro per il figlio disabile.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.