Piero Ciottoli

In caso di edificio o complesso condominiale per il quale può ottenersi l’accatastamento delle singole porzioni che lo costituiscono, ancorché in corso di costruzione, il debitore, il terzo acquirente, il promissario acquirente o l’assegnatario del bene ipotecato o di parte dello stesso, questi ultimi limitatamente alla porzione immobiliare da essi acquistata o promessa in acquisto o in assegnazione, hanno diritto alla suddivisione del finanziamento in quote e, correlativamente, al frazionamento dell’ipoteca a garanzia (Testo Unico Bancario articolo 39).

Ma, naturalmente, non possono chiedere la cancellazione dell’ipoteca se il debito garantito non è stato estinto.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.