Paolo Rastelli

L’impugnazione della rinuncia all’eredità è sicuramente il modo più semplice per escutere coattivamente il debitore inadempiente, evitare che il suo patrimonio si disperda in mille rivoli fra i figli che accettano per rappresentanza, o che l’azione si prescriva nel quinquennio.

Il creditore è libero di decidere cosa pignorare e può esperire contemporaneamente diversi tipi di pignoramento (immobiliare o mobiliare).

In particolare nessuna norma vigente vieta al creditore di impugnare la rinuncia all’eredità del debitore quando questi sia già capiente con i suoi beni, anche perchè la eventuale capienza del ricavato nel credito azionato può essere verificata solo dopo l’espropriazione e la vendita all’asta dei beni del debitore, in considerazione della circostanza, non trascurabile, che altri creditori, anche muniti di privilegio, potrebbero insinuarsi nella procedura espropriativa di quei beni.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.