Ludmilla Karadzic

Per il ricovero presso residenze sociosanitarie assistenziali – RSA, RSSA, residenze protette, nel calcolo dell’ ISEE si tiene conto della condizione economica anche dei figli del beneficiario non inclusi nel nucleo familiare, integrando l’indicatore con una componente aggiuntiva per ciascun figlio. Tale previsione consente di differenziare la condizione economica dell’anziano non autosufficiente che ha figli in grado di aiutarlo, da quella di chi non ha alcun aiuto per fronteggiare le spese del ricovero.

Il ricoverando può optare anche per una Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) con un Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE), se di maggior favore, calcolato sulla base di un nucleo familiare ristretto ottenuto escludendo altri eventuali componenti la famiglia anagrafica (stato di famiglia) che non siano il coniuge, i figli minorenni conviventi e quelli maggiorenni conviventi non coniugati e senza figli.

Nella fattispecie il nucleo familiare dovrebbe essere formato dal solo ricoverando, escludendo la convivente e considerando che non vi sono figli nello stato di famiglia o al di fuori di esso.

La documentazione da presentare, oltre alla DSU/ISEE, per il ricovero presso residenze sociosanitarie assistenziali pubbliche dipende dalla Regione di residenza: in generale è necessaria una proposta formulata dal medico di medicina generale, dai servizi territoriali dell’unità sanitaria locale ovvero, in caso di dimissione dall’ospedale, dal primario della divisione ospedaliera e dai servizi territoriali comunali, nel rispetto della volontà del paziente, ovvero in caso di incapacità di intendere e di volere da chi esercita la tutela o la curatela.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.

Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca