Giovanni Napoletano

Come segnalato da alcune note associazioni dei consumatori, ci sono degli operatori, Fastweb in primis, che stanno utilizzando degli espedienti, a dir poco fantasiosi, per evitare il rimborso alla clientela dei crediti erosi con l’utilizzo, illegale, dell’ex fatturazione a 28 giorni.

E’ stata, infatti, segnalata all’Agcom (garante comunicazioni) ed all’Agcm (garante concorrenza e mercato) la condotta di Fastweb che, a fronte dell’espressa rinuncia al ristoro per il consumatore, starebbe offrendo in opzione il servizio Wow Space per un anno.

Ma nascondere nelle pieghe di un contratto che nessuno leggerà mai la rinuncia ai propri diritti non può passare inosservato

Se fosse accertata la scorrettezza di questa pratica, è necessario sanzionare adeguatamente l’operatore anche come monito per tutti gli altri.

Infatti, da un lato l’operatore regala il servizio Wow Space, ma dall’altro nel farlo il contratto prevede una espressa rinuncia a quelli che, invece, sono diritti acquisiti dei consumatori.

L’eventuale sanzione, metterebbe un freno alle attività degli uffici marketing degli altri operatori che si stanno industriando per sottrarre ai consumatori ciò che gli spetta di diritto.

Dunque, fate attenzione.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.

Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca