Ornella De Bellis

Il debitore ha il diritto di non pagare: il creditore quello di tentare l’escussione coattiva del debitore inadempiente e mettere in conto a quest’ultimo le spese legali sostenute nel tentativo di tutelare il proprio credito.

Si tratta di un semplice bilanciamento di interessi: per quanto attiene il buon senso, rigirando la frittata, il creditore potrebbe chiedersi, dal suo punto di vista, se il debitore possa rimandare all’infinito l’adempimento del proprio obbligo, preferendo accollarsi le spese delle procedure esecutive al solo scopo di arrecare fastidio al creditore che quelle spese è costretto ad anticipare (senza nemmeno sapere se riuscirà un giorno a recuperarle); spese, comunque, che non avrebbero avuto ragione d’essere se il debitore avesse adempiuto al proprio obbligo.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.

Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca