Paolo Rastelli

L’istanza di remissione del debito, riconducibile a spese di giustizia, andava presentata subito dopo la notifica dell’avviso di pagamento inoltrato dall’Ufficio Recupero Crediti del Ministero o dalla Direzione dell’Istituto Penitenziario creditore.

La presentazione dell’istanza di remissione delle spese di giustizia, infatti, non sospende la procedura di riscossione coattiva avviata a seguito del mancato pagamento della cartella esattoriale nei 60 giorni concessi.

Solo dopo la decisione di accoglimento dell’istanza da parte del giudice, per evitare i soliti corto circuiti comunicativi fra creditore e concessionario, sarà possibile presentare una richiesta di sospensione dell’azione forzata di recupero del debito presso gli uffici dell’Agenzia delle Entrate Riscossione.

Nel frattempo, l’unica cosa da fare è tentare di sollecitare gli uffici del Ministero affinché si pronuncino sull’istanza: difficilmente il Concessionario della riscossione agisce con il pignoramento di mobili usati presso la residenza del debitore.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.

Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca