Annapaola Ferri

Al giudice dell’esecuzione ci si rivolge con ricorso, per opporsi, ammesso sussistano validi motivi, all’assegnazione della quota stipendiale calcolata per il pignoramento e decretata dal giudice ordinario a favore del creditore procedente.

I criteri per stabilire il prelievo da assegnare al creditore procedente sono fissati per legge ed esulano dalla discrezionalità del giudicante: prevedono, a grandi linee, la sottrazione del 20% dalla retribuzione, al netto degli oneri fiscali e contributivi. Con possibilità di riduzione della quota pignorata se, e solo se, altri pignoramenti concorrenti e pregressi, insieme alla quota ceduta e a quella azionata, superassero la metà dello stipendio netto.

Non sono previste, purtroppo, riduzioni in ragione di particolari situazioni familiari del debitore sottoposto ad azione esecutiva.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.

Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca